This Is Ascoli Revisited

Il 23 settembre 2008, fresco di maturità e appena congedatomi dalla cittadina che mi diede i natali, scarabocchiai su un mio defunto blog un impressionante “manifesto” dalle sedicenti pretese etnografiche: si intitolava THIS IS ASCOLI (l’ammiccamento era a This Is England dei Clash) e veniva pomposamente presentato come “indispensabile manuale di sopravvivenza nella giungla sud-marchigiana […], risultato di un mio lungo e certosino studio sulla vita suburbana della nostra adorata provincia […], un elenco rigorosamente alfabetico delle principali tribù/logge/sette/caste individuabili a grandi linee tra le maglie della popolazione indigena, con annesse descrizioni essenziali volte a svelarne caratteristiche, fenomenologia, riti ed evoluzione, […] ciascuna corredata da una valutazione in decimi”.

Nonostante il tutto fosse mosso più da affetto che da rancore, contro ogni mia previsione si scatenò un putiferio di dimensioni colossali, come in epoca pre-Facebook era piuttosto raro vederne: un’arena virtuale che vide fronteggiarsi quasi un centinaio di persone con bava alla bocca & occhi iniettati di sangue, spaccata in due tra chi (probando in toto quanto volevo dimostrare) invocava il mio squartamento sulla pubblica piazza e chi, invece, intravedeva in quell’arringa un coraggioso smascheramento del mefitico squallore della provincia, doveroso attentato all’impalcatura piccoloborghese di certa Italia marginale. L’escalation surreale finì per mettermi contro buona parte dei miei presunti “amici” e, in una concatenazione di passaggi che continua tuttora a sfuggirmi, arrivò a coinvolgere addirittura la DIGOS (allego a fine pagina delirante articolo di quotidiano locale).

Quel leggendario blog è ormai offline da tempo, ma io ho conservato una copia del famigerato trattatello. Nel corso degli anni più persone, tra il serio e il faceto, hanno rispolverato la querelle rammaricandosi di non poterlo più consultare, così ho deciso di ripubblicarlo. Eccettuato un superficiale lavoro di editing, non ci ho praticamente rimesso penna, per preservarne il valore filologico di testimonianza.

Rileggendolo adesso, non posso che sorridere di fronte alla ridondanza della prosa e alla spudorata parzialità delle analisi, e senz’altro sarei propenso ad alterare/aggiornare più di un paragrafo; credo, tuttavia, che questi fattori non ne minino validità, efficacia e godibilità. D’altronde, già all’epoca commentavo in calce, con piglio da sondaggista: “sebbene il fenomeno vada circoscritto per lo più alle fasce giovanili della popolazione, trovo sia abbastanza esemplare e sconcertante, al di là della validità delle mie analisi, la visceralità con cui la tipica mentalità secondorepubblicista-p2ista (logica dei blocchi e delle alleanze, spirito di appartenenza utilitarista e fine a se stesso, fittizio sentimento di comitiva-classe, distinzione di determinati personaggi-chiave nell’ambito della cerchia definita, ecc…) abbia attecchito nei confini delle Cento Torri, paesino massonico per eccellenza, per quanto forse inconsapevolmente.”

N.B. per i più giovani: all’epoca gli hipster non esistevano ancora, almeno loro…


ABRUZZESI – Considerati alla stregua di immigrati indesiderati, sempre squadrati con sospetto e spocchia tutta campanilista, sono organizzati in piccoli branchi nomadi oppure vivono in solitudine investendo il proprio tempo in attività illecite e deprecabili di cui usufruiscono un po’ tutti. Caratterizzati da un accento marcatissimo e da una parlata monotona e ronzante che periodicamente rinnova i propri temibili intercalari (da segnalare l’inspiegabile contagiosità dei loro dialetti, che si appiccicano irrimediabilmente sulla lingua di chiunque li frequenti per più di un pomeriggio), trovano il loro fattore identitario in un’impressionante omologazione: tutti infatti paiono avere gli stessi interessi (si prenda ad esempio il loro comune pantheon musical-cinematografico, che annovera una dozzina al massimo tra film & dischi che costituiscono in pratica l’unico patrimonio dei singoli) e compiere le stesse azioni, addirittura gli stessi gesti. Altri elementi distintivi salienti sono il pessimo gusto nell’assortire il vestiario, la passione per i motori, l’abituale consumo e spaccio sottobanco di stupefacenti rigorosamente leggeri, la volubilità dei loro atteggiamenti (che spesso li porta a scatenare risse furibonde guarnite da minacce di rappresaglia in stile malavitoso, specie se inerenti a questioni di onore infangato o illibatezza muliebre offesa, creando situazioni imbarazzanti), la totale apatia e insensibilità nei confronti di tutto e tutti, i pareri quantomeno discutibili riguardo il dipanarsi dei rapporti umani (certe manifestazioni d’incoerenza, specie da parte degli individui di sesso femminile, rimangono eloquenti, specie se riferite a situazioni di coppia), la fosca ombra che li accompagna ad ogni passo. Vengono alternativamente apostrofati come “teramani”, anche se il termine va piuttosto assimilato all’insulto razziale che considera qualunque persona ostentante un look tarpano o particolarmente fuori luogo come natio delle brulle colline del posto. Da citare infine una nota perversa che caratterizza soprattutto gli esemplari più immaturi della specie: un culto morboso, inverosimile, filo-nazista o filo-omosessuale a seconda dei pareri, del nerbo fisico, della capacità di combattere e di difendersi, del computo delle cicatrici corporee, e il conseguente disprezzo per chiunque non soddisfi questi canoni di virile carisma, sintomi evidenti di una velleità pusillanime ai limiti del parossismo congenita ad ogni abruzzese purosangue. Dopo il cambio di gestione del Ballanti si sono insediati a frotte nel centro città minacciando addirittura di conquistare Piazza: avranno l’accoglienza che si meritano. VOTO: 5

ALTOLOCATI – Sono la quintessenza della bella società ascolana, i rampolli delle ataviche stirpi nobiliari che hanno fondato la città, gli eredi di fortune inimmaginabili, i membri delle più potenti famiglie di imprenditori o semplicemente degli esibizionisti con la passione per il lusso sfrenato. Considerati creature pure e perfette, da prendere a paradigma, si permettono abusi e soprusi ai limiti della decenza e della legalità, protetti dal loro status di padri fondatori della “cultura” comune e di instancabili procacciatori di reddito. Controversi e mai chiariti i loro legami con l’estrema destra suburbana, con cui spesso vengono identificati. Hanno come epicentri del loro universo luoghi esclusivi come il Circolo Cittadino e il BB, nei quali sono liberi di sfogare la loro passione per la danza sfrenata e di esibire i loro prestigiosi capi d’abbigliamento. Onnipresenti in occasioni salottiere che coinvolgano la mondanità che conta. VOTO: 4

ANCONETANI – Assai poco diffusi nel territorio cittadino, per lo più studenti, non particolarmente benvoluti a causa di spiccate rivalità calcistiche ma nemmeno così insopportabili come vengono sovente dipinti. VOTO: 6.5

CINEFILI – Pur non godendo di un’identità strutturale e del riconoscimento altrui, possono anch’essi essere considerati una piccola nicchia a sé stante. Le loro cerchie annoverano personaggi bizzarri e rimarchevoli, accomunati dalla passione per la celluloide da espletare nei periodici raduni del cineclub con sede al Piceno. Non mancano discutibili posers e impostori, ma nel complesso la loro categoria può vantare un’autenticità (oltre che una cultura e una passione) davvero rara. Tuttavia, a causa della loro abitudine agorafobica che li porta a rintanarsi e della loro difficoltà a comunicare con l’esterno, sono di solito etichettati come reietti disadattati, e odiati quando non semplicemente ignorati dalla comunità. Non bisogna trascurare il fatto che in città vige uno strano luogo comune in base al quale il cinema sia una disciplina ignobile e minore da aborrire con tutta l’anima, particolare che rende non facile la vita ai pochi cinefili rimasti ancora attivi. Ultimo, (si spera) inaffondabile barlume di coscienza culturale, scampolo di scenari ben più rosei, e tra le poche persone con cui vale ancora la pena di parlare. VOTO: 8.5

FASCISTI – Potrà sembrare superflua come categoria, data la schiacciante e radicatissima presenza di un certo annacquato credo politico nel bieco panorama cittadino. Sotto questa definizione possono essere inglobati diversi gruppi etnici: gli ultrà dell’Ascoli Calcio in qualche modo connessi con il movimento hooligan “Estremo Sostegno”; i reduci della leggendaria “Farmacia” sopravvissuti alle scosse della cocaina e alla diaspora che ne ha smembrato le fila; i membri di trascurabili movimenti parlamentari post-MSI; certa borghesia industriale dal doppio volto (apparentemente innocua nella vita quotidiana, esasperatamente violenta sotto le spoglie notturne); giovanotti scontenti e frustrati. Xenofobi, idiosincratici, retrogradi, semi-analfabeti, educati (?) con sode razioni quotidiane di rabbia fine a se stessa e odio ecumenico, cultori della fisicità e della velocità, costantemente impegnati a migliorare e temprare i loro corpi possenti, sempre alla ricerca di situazioni in cui poter far baldoria, disprezzano chiunque non la pensi come loro anche senza provocazione o diretta interazione con i malcapitati, oppure semplicemente si divertono a sopprimere chi possa apparire troppo debole/povero/insignificante ai loro occhi. Ambivalente e volubile l’atteggiamento nei confronti delle classi alte, esecrate da alcuni come inaccettabile compromesso con la vita civile, esaltati da altri come fiore all’occhiello della classe dirigente-produttrice, fonte della ricchezza cittadina e modello comportamentale di volgare eleganza e classe. Quando meditano assalti pre-organizzati nei presunti covi dei loro “nemici” si presentano sempre in plotoni sconfinati, armati, corazzati e imbottiti di slogan aberranti, iniziando a massacrare indiscriminatamente chiunque capiti loro a tiro, anche loro simili. Nonostante questa apparente invincibilità, è curioso notare come il più delle volte siano proprio loro a rimetterci e a uscire malconci dalle risse da loro sobillate, nonostante il vantaggio numerico e l’attrezzatura contundente, dimostrando quanto sia fanfarona la loro indole combattente. Presi singolarmente sono del tutto innocui, e anzi tendono ad avere una fottutissima paura quando si trovano in disparte, comprendendo la loro vulnerabilità al di fuori del branco. In situazioni goliardiche e festaiole sono soliti alternare pose perbeniste a rigurgiti di scurrilità e vandalismo, con una particolare propensione per tutto ciò sia inerente al fuoco e alla cenere, emblemi vitalistici oltre che stemmi politici. Minaccia permanente e invisibile per il quieto vivere degli altri abitanti che nulla hanno a che vedere con le loro farneticazioni, più che delle semplici persone sono delle pietre angolari umane, alla base dell’instabile struttura sociale del paesotto. VOTO: 3

FERMANI – Dopo i mambruschi politici che hanno segmentato i confini tra le due province, da sempre rivali riguardo la contesa dei territori, il rapporto con la popolazione intestina si è fatto abbastanza teso, senza però mai sfociare in violenza diretta, al di là delle rivalse di alcuni integralisti. Poche note le loro abitudini e i loro costumi. VOTO: 6

FREAKKETTONI – Sottile ma non trascurabile la distinzione che si può delimitare tra loro e le semplici e più detestate “zecche”: si tratta infatti di giovincelli apparentemente normali, ben vestiti e composti, provenienti da ottime famiglie ma legati ai circuiti della sinistra (ultra)moderata rotante intorno alla sede del PD, ai mercatini dell’Equo & Solidale, alle feste dell’Unità e ad ogni sorta di sagra della polverosa nostalgia da annegare dell’etanolo. Appunto l’alcool, oltre all’amore per la musica folk e la danza popolare e una convinzione politica millantata più che reale, è l’elemento coagulante di questa eterogenea e contraddittoria categoria umana, che si vanta di letture raffinate e professa nobili ideali di tolleranza e democrazia ma non lesina un’alterigia sfociante in un molle razzismo contro i veri “diversi”. Imbarazzante la banalità dei loro ideali e la schietta somiglianza tra i loro punti di vista, che raramente sono in grado di argomentare. Altra loro importante sede è la mesta biblioteca cittadina, in cui è facile incontrarli quasi tutti i pomeriggi assorti tra le pagine di volumi di cui probabilmente ignorano anche il titolo. Nel loro rigido alternativismo finiscono con l’essere i più conformisti di tutti, nemici numero 1 di qualsiasi rivoluzione. VOTO: 4,5

FUSIONARI – In parte sparpagliati anche tra metallari e musicisti semplici, hanno come unica ragione di vita lo studio e il conseguente sfoggio di un’ossessiva tecnica strumentale appresa mediante terrificanti manuali e altrettanto condannabili scuole profumatamente pagate. Per il resto sono poco più che ascolanetti da quattro spicci, pieni di paranoie e ansie da prestazione e tendenti allo sputazzo su coloro che ritengono non paragonabili con la loro inarrivabile capacità. Una filosofia che fa decisamente acqua da tutte le parti, ma in fin dei conti c’è di peggio. VOTO: 6

HIP HOP – Altra classe difficilmente inscatolabile in un preciso agglomerato umano. Sono ascrivibili a questo circuito rappers, writers, skaters, gangster, sessisti. Molti di loro convivono con le fasce disagiate della popolazione abitanti la porzione di città compresa tra il Moderno e il Jolly, ma le loro ramificazioni sono incalcolabili, arrivando a toccare certo Abruzzo e molte zone del litorale. Importante sede delle loro produzioni grafiche è situata a Polombare, da considerarsi loro territorio d’elezione, sebbene tracce del loro passaggio siano individuabili ovunque. Godono di incredibile popolarità e rispetto, per quanto le loro proposte non brillino certo per originalità. La maggior parte di loro si accontenta di vivere in disparte, quasi ai margini della società, dedicandosi alle attività tipiche della cultura da ghetto e al consumo della droga sopravvissuta alla vendita, ma non mancano minoranze che applicano alla lettera i precetti del gansta world, producendosi in atti violenti e facendo guerra di strada alle cricche rivali. Musicalmente parlando, sono tra i più attivi e seguiti della provincia, nonché tra i pochi in grado di sopravvivere grazie all’autoproduzione serrata. VOTO: 5

HARDCORE – Fazione estremista dell’universo punk orbitante intorno al Moderno, dal quale peraltro prendono decisamente le distanze, sono orgogliosi portavoce di ideali nichilisti e anti-istituzionali, equamente divisi tra fomentazione anarchica e posizioni stataliste. Ignorando i dettami anti-sballo dello stile musicale col quale s’identificano, si autodistruggono senza tregua e senza ragione, perdendo per strada la loro apprezzabile energia militante. Loro caratteristica saliente è l’apparente incompatibilità tra la smunta struttura fisica e la spropositata forza fisica che spesso sfoderano in difesa del loro piccolo tempio. VOTO: 7.5

ICONOCLASTI – Qualcuno potrebbe scambiarli per dei freakkettoni qualunque, ma il loro è un caso che merita un’analisi a parte. Trattasi di una ridotta congrega di giovanotti ben vestiti, quasi tutti musicisti (pagatissimi), tutti provenienti da famiglie di stampo smaccatamente medio-borghese, figli per lo più di medici o feudatari, alcuni parecchio ricchi, autoproclamatisi sinistrorsi a dispetto delle loro origini e dei loro modi di fare, appassionati in modo addirittura grottesco della modaiola musica popolare e del profondo sud in cui spesso si recano in comitiva (l’appropiazione indebita di una cultura altrui, fino all’assimilazione, non viene a quanto pare considerata una forma d’incoerenza con le proprie sempre difese origini…), dediti ad attività che pretendono di essere intellettuali senza troppa convinzione ma servono solo a mascherare un atteggiamento di fondo che è la summa dell’ascolanismo: accento spinto e affettato, termini declinati in uno slang quasi incomprensibile, volgarità spicciola, passione calcistica becera, costumi sessuali disinibiti e promiscui (dei quali non smettono mai di vantarsi), pseudo-demenzialità da bar sotto casa, presunzione e arroganza più uniche che rare, profonda convinzione di essere onniscienti e intoccabili, aggressività da sfoderare non appena si scalfisce minimamente il loro carapace di costruzioni mentali. Identici e intercambiabili come automi, finti amici di tutti, in realtà astiosi e ostilissimi, si atteggiano da persone vissute che nulla più hanno da apprendere, ironizzano e motteggiano qualsiasi cosa non li aggradi, insultano con veemenza chi considerano “ridicolo” (= chiunque non corrisponda del tutto ai loro sacrosanti canoni morali), pontificano su qualsiasi argomento e tacciano chiunque non la pensi come loro di ignoranza e presunzione, con modi derisori da caserma, volti all’umiliazione, allo scherno, non accettando critiche di alcun genere. Il sorriso altezzoso che hanno cotidie stampato in volto è il vaglio a cui qualunque creatura viene sottoposta e il più delle volte respinta, messa alla berlina con l’ironia di chi è troppo indaffarato per prendersi sul serio. Sono quasi tutti felicemente fidanzati (tra loro, manco a dirlo…) e massimamente appagati dal loro stile di vita, spalleggiati e protetti dalle loro famiglie ma nonostante ciò detestano con tutto il cuore chiunque non considerino indipendente e autonomo, incapace come loro di guadagnarsi ogni giorno il pane senza gravare sulle spalle di nessuno, fascia di umanità malamente bollata come “incapace”, “inetta”, fallita”, “omosessuale”. La loro costante esaltazione del lavoro (come anche della forza fisica, della virilità, del numero e di tutto quanto fa “tosto”, “vincente”) li porta inoltre a nutrire un particolare rancore verso i liberi pensatori e le anime perdute, colpevoli di avere idee e di credere in qualcosa, peccati imperdonabili in quanto distanziano l’uomo dal pragmatico realismo indispensabile per fare i conti con la quotidiana esistenza, della quale sono disillusi e vigorosi avversari. Non è un caso che proprio loro siano i promotori principali della bombardante campagna elettorale del PD, partito nella cui inconsistenza hanno intravisto un punto di riferimento per il loro economicistico pressappochismo e il loro incontenibile bisogno di rapportarsi con la Società e la Vita. Tuttavia, la presunta maturità che vogliono lasciare ad intendere come per magia scompare non appena si trovano di fronte a qualsiasi minima difficoltà: basta una piccola crisi sentimentale o un cicchetto di riciclato male di vivere per abbattere la loro inaffondabile tempra, e guai a non venire loro incontro per compatirli, si rischia di venire accusati di ingratitudine (perché sanno anche essere vendicativi, e tenere il muso prolungato se necessario). Bravissimi ad etichettare, un po’ meno ad incassare possibili colpi.  Incapaci di rimanere da soli per più di 10 minuti poiché privi di personalità e spina dorsale, terrorizzati dalla possibilità di rimanere senza amici, si arruffianano nei modi più insolenti la simpatia altrui ma sortiscono l’effetto contrario. Il mondo potrebbe esplodere alla loro spalle e loro rimarrebbero senz’altro voltati: in compenso pretendono la massima considerazione delle loro questioni personali. Concupiscono il verbo “volere”, proferito con toni sempre autoritari e imperativi, come se tutto gli fosse dovuto e la buona educazione (della quale si ritengono adepti e in nome della quale censurano ogni comportamento possa traviarla in pubblico) non fosse loro prerogativa. A tratti vengono travolti dal bisogno di dimostrarsi saggi ed assennati anche in ambiti più allargati, ed eccoli improvvisamente tutti radunati intorno a un tavolo a borbottare sottovoce discussioni di insostenibile qualunquismo su massimi sistemi riletti in chiave provinciale, temi su cui sono sempre e comunque d’accordo. Un bambino di quattro anni potrebbe senza troppi sforzi ribaltare qualsiasi loro opinione. Frequentano scuole/università di costoso prestigio a spese dei facoltosi parenti, nelle quali poter approfondire tutte quelle mirabili discipline che sono ormai divenute punti fermi della cultura di destra nazionale. Ci tengono ad apparire impeccabili sin nei più piccoli particolari: l’igienismo patologico che decantano come prassi quotidiana pare riempirli d’orgoglio, negli altri invece genera solo qualche sguardo perplesso. Sono in soldoni persone noiose, scontate e per nulla stimolanti, che anzi mettono tensione, fanno sentire a disagio. Se volete farli contenti parlate loro di fica e pallone, batteranno le mani gongolando come foche ammaestrate. Forse in assoluto, nel mucchio, i peggiori di tutti: e ce ne vuole… VOTO: 1 (e solo perché lo zero non è da considerarsì né un vero numero né una valutazione ufficiale)

LAMENSI – Forse la tipologia che può vantare più personaggi folkloristici e leggende rionali, sempre presenti in ogni loro discorso. Di solito rimangono reclusi nei loro inospitali territori, quando si fanno vivi in città costituiscono una presenza discreta ma non superflua. VOTO: 7.5

MACERATESI – Umili e simpatici agricoltori amanti del lavoro a contatto con la natura e della loro piccola vita paesana. Inoffensivi. VOTO: 7

METALLARI – Vanaglorioso e diffuso stereotipo comportamentale che ha fatto la fortuna dei venditori di cianfrusaglie e dischi di dubbi qualità. Sempre foderati dalle tipiche magliette griffate, appesantiti da un’impensabile quantità di monili, imbronciati e sedicenti cattivi, si aggirano un po’ ovunque ostentando le loro discutibili pose, specie ai concerti di qualsiasi genere nei quali si presentano sempre in condizioni di nulla lucidità scatenando gratuiti poghi. Difficile stabilire se costituiscono un’unica grande banda oppure tutt’al più una federazione di gruppetti isolati. Checché ne dicano loro, non hanno mai fatto del male a nessuno (a meno che non si voglia considerare l’offesa al buon senso e al buon gusto come un reato…), motivo che li rende tutto sommato non del tutto spregevoli. VOTO: 6

MILITANTI – Striminzitissima coalizione di giovani politicamente consapevoli, storicamente dotti e socialmente insoddisfatti. Non costituiscono un partito vero e proprio ma a tutti gli effetti sono l’unico possibile punto di riferimento per la minata sinistra locale. Privi di una reale organizzazione interna, hanno tutte le carte in regola per costituire un movimento ad alto tasso destabilizzante e sovversivo, non fosse per la proverbiale penuria pecuniaria. In grado di mettere al tappeto il medio-parlatore grazie a non comuni doti di erudizione ed eloquenza, raramente s’immischiano in discussioni di scarso valore, preservandosi dalla contaminazione con il populismo parassita dilagante. E’ difficile vederli in giro, e quando ci sono non si notano, tanto sono anonimi e discreti nel loro rifiuto di qualsiasi facile tentazione ideologica. Forse eccessivamente chiusi con l’esterno e radicali fino al midollo, ma ce ne vuole. Come biasimarli. Quando si dice pochi ma buoni. VOTO: 9

MINOLLI/E – Il più delle volte prodotti in cancrena plasmati da genitori iperprotettivi e iperpresuntuosi, diretto parto decadente della mentalità altolocata (vedi sopra), sono ragazzini & ragazzine che individuano la fonte delle loro certezze e sicurezze nel bruciare le tappe congenite al percorso di crescita, sfruttando i patrimoni familiari per migliorare la propria public image. I primi, rude boys fuori tempo massimo, amano o fingono di amare il rischio, tendono a sperimentare prima del dovuto sballi sconsigliati, guidano mezzi che le norme vigenti in teoria precluderebbero loro, millantano avventure sessuale ai limiti del BDSM, cavalcano pose bullistiche e sfacciate, trattano con snobistica noncuranza le donnine che vogliono impressionare; le seconde venerano lo shopping come rito ieratico, sono informatissime su gossip e ultimissime varie, adoperano un vestiario ed un make up impropri per la loro età effettiva, provocano gli individui dell’altro sesso con ammiccamenti di ogni genere, fanno spargere voci discordanti ma sempre leggendarie sulla loro eclettica versatilità erotica, si esprimono in modo scurrile e con un tono di voce sempre fuori luogo, disprezzano le istituzioni e tutto ciò che possa ostacolare il loro benessere e divertimento. Sono in linea di massima delle esasperazioni consumistiche in salsa inacidita, ridicoli ma in fondo consapevoli di esserlo, anzi contenti di interpretare la maschera grottesca che si sono dipinti da soli o (peggio) gli è stata affibbiata da qualcuno. Frequentano i posti giusti al momento giusto, appena compaiono trovano il modo di farsi notare e si considerano di conseguenza i veri padroni della città, ma la comunità è solita metterli ai margini, se non calpestarli. Minacciano, ma finiscono quasi sempre per prenderle loro. A sentirli sembrerebbe che ogni singolo sanpietrino dell’urbe sia di loro conoscenza, in realtà sono profondamente soli, ignorati. Caratteristi pirandelliani e nulla più, dunque, mediocri e fieri di esserlo: sarebbe ingeneroso giudicarli con troppa intransigenza, anche perché sono meno nocivi di quanto si possa credere. Si confida comunque in una loro possibile maturazione futura, non sarebbe un cattivo proposito… VOTO: 5

MONTICELLIANI – Da non confondere con la marmaglia di eroinomani con cui il piccolo quartiere viene solitamente identificato, costituiscono un isolato nucleo d’individui che poco hanno a che spartire tra loro, se non la comune origine. Per lo più gente a posto, simpatica e spontanea, relativamente socievole. VOTO: 7

MUSICISTI – Il nome fornisce le informazioni necessarie a comprendere la loro ragion d’essere: una ridotta congrega di amici, proveniente per la gran parte dal liceo scientifico e ora sparpagliata tra università varie, con un sana passione per la buona musica, senza pretese megalomani, con classe e gusto. Parecchio goliardici e amichevoli, fanno perno su un umorismo tagliente e demenziale come motore dei loro rapporti sociali. Li unisce anche un notevole bagaglio di esperienze (Bove Finto Offidano, ormai di loro gestione) e conoscenze comuni, inesauribile fonte di argomenti per discussioni che possono protrarsi anche per giorni interi. Li si potrebbe accusare di essere un po’ troppo disimpegnati e legati ai contesti di comitiva, ma forse è meglio così… VOTO: 8

NERDS – Pacifici sfigatelli brufolosi e occhialuti, abbigliati come damerini ottocenteschi o malamente incartati in stracci di fortuna, elusivi e sessualmente ambigui, elementi umani ricorrenti in quasi tutte le comunità occidentali contemporanee. Seriamente vicini alla realizzazione dell’ideale kraftwerkiano dell’uomo-macchina, vivono (o meglio, esistono) rintanati nelle loro camerette tappezzate di poster e modellini in scala, con le pupille incollate ai monitor dei loro pc, attorniati da un denso corredo di marchingegni sinistri di ogni genere e funzione. Collezionisti cronici per indole o per vizio, possiedono sconfinati archivi di fumetti, videogiochi e materiale audiovisivo, gelosamente custoditi con piglio feticista. Ogni tanto sovviene loro l’appartenenza (solo ontologica) al genere umano, per cui si vedono costretti a soddisfare i propri istinti più reconditi (spesso scalpitanti, a causa dell’astinenza monacale) servendosi del loro studiatissimo materiale pre-onanistico. Sono citati, spesso a sproposito, come prototipo del non-ideale da non seguire, e anzi da rigettare come malattia contagiosa: eppure viene molto più spontaneo simpatizzare per loro piuttosto che per gli stizzosi che li diffamano. Si fanno i cazzi loro e paiono pure divertirsi, criticarli solo perché poco convenzionali è pratica sterile. A loro modo, dei martiri anarchici, degli eroi del nostro tempo, benché del tutto fuori dal nostro tempo. Una scelta non facile, onore alla tenacia. VOTO: 7

OFFIDANI – (…superfluo ogni genere di commento in questo caso…) VOTO: 6

PIAZZAROLESI – Cittadini neo-medioevali e sagra-dipendenti, amanti della roccia e del legno, sono una delle poche realtà “da borgo” sopravvissute alla globalizzazione cittadina. Non hanno interessi particolari o abilità di spicco, solo un’onesta volontà di vivere tranquilli senza arrecare eccessivo fastidio. Ospitano nei loro territori gli illustri cancelli del Villaggio Rozzi. Da ricollegare a loro anche la zona dell’Annunziata e dintorni. VOTO: 6.5

POGGIODIBRETTESI – Tipacci temuti ed evitati dai più, conducono una vita isolata e misteriosa nella loro roccaforte di paese. Risaputo il consumo spesso quotidiano di stupefacenti, la predilezione per le grosse cilindrate e la diffusa grezzura, meno nitidi i rapporti di gemellaggio che li legano a posti a dir poco malsani come Martinsicuro e Stella Di Monsampolo. La loro aura di ragazzi di strada senza peli sulla lingua & assicurazione sulla vita ha attratto molte ingenue fanciulle nei loro regni, da cui poche hanno fatto ritorno… VOTO: 5

PORTAMAGGIORESI – Flagellati dalla pianificazione urbanistica più incoerente di sempre che complica incredibilmente ogni loro minimo spostamento (il numero di rotonde spartitraffico per abitante è da guinness dei primati), sono figure schive e abbastanza oscure, dedite ad un’esistenza casalinga. Da taluni nemmeno considerati ascolani con tutti i crismi. VOTO: 7

PORTACAPPUCCINESI-SPINETOLIANI – Due tra i popoli + buffi dell’entroterra marchigiano correlati da un altrettanto bizzarro legame di affinità. Da un lato le facinorose genti dell’Ascoli periferica, dall’altro i chiassosi paesani sinistrorsi: una miscela insolita ma non del tutto da buttare. Non enumerabili i personaggi leggendari che annoverano tra le proprie fila. VOTO: 7.5

PUNK – In realtà si tratta di un’etichetta riduttiva che include una gran varietà di schieramenti differenti: dai darkettoni agli emo, dai settantasettini ai corporate, con sparute propaggini che toccano zone anche più estreme. Si disprezzano senza remore tra di loro, ignorando forse di essere leggerissime sfumature dello stesso sbiadito colore. In prevalenza ragazze accomunate da una serie di riti largamente sperimentati, quasi canonici: l’ascolto di musica elementare e diretta, da loro definita “rumore”; l’abitudine di fabbricarsi da sole variopinti vestitini di toppe e pezza, di colorarsi capelli e scarpe, di traforare la propria pelle con oggetti metallici di ogni genere e di sfoggiare feticci dall’ambiguo significato; la venerazione per la trash culture con annessi & connessi; un corredo abbastanza omogeneo di film cosiddetti “cult”; l’avversione nei confronti di qualunque altra weltanschauung non asservita al punk, specie ciò che considerano “commerciale”; il fascino dello sballo facile che possibilmente naufraghi nel vomito, metafora totemica della filosofia “acida” condivisa; l’odio per chi maltratta gli animali; la facilità e volgarità gratuita con cui sviscerano réclames  ampiamente trite e ritrite; le pose aggressive contro non si sa bene chi/cosa; la totale mancanza di (auto)ironia. Prendersela con loro ha senso fino ad un certo punto, trattandosi di un universo simbolico che trova filiazioni in buona parte del globo: se non ci credete, fatevi una capatina nella fittissima rete di blog di queste discutibili comunità, peraltro tutti pedissequamente speculari. Piuttosto verrebbe da chiedersi cosa possa scatenare un simile bisogno di sicurezza a portata di mano. A vederle in giro o pigramente stravaccate sulle scalette del Moderno sale sempre un groppone di disgusto in gola, ma accanirsi su di loro equivarrebbe a sparare sulla croce rossa. La loro è pura esibizione senza sostanza, assolutamente irrilevante, e anche il volersi a tutti i costi spacciare come disadattati incompresi e rifiuti martirizzati di una società conformista finisce col dar più fastidio che altro. Fanno pena più che tenerezza gli individui di sesso maschile che si lasciano affascinare se non addirittura coinvolgere in questo perverso gioco al massacro sinaptico, menti magari promettenti bruciate come fiammiferi. Su certi presuntuosi interessi cine-musical-lettarari che esulano dalle loro abituali “competenze” è meglio tacere. VOTO: 4.5

SANBENEDETTESI – Null’altro che una patria in comune, un comune credo calcistico e un rapporto a tu per tu con l’acqua marina. Uno dei pochi legami a doppia mandata con la nostra città è il covo di punkettine associate con i circoli oriundi. Tendono a trattarci meglio di come noi facciamo con loro, non è poco. VOTO: 7

URBINATI – Universitari irascibili e brontoloni, sempre pronti alla contestazione del prossimo, risentono del clima di chiusura ermetica del loro borgo in salita e faticano ad integrarsi con i loro vicini. A volte si ha l’impressione che siano per principio contrari al divertimento sia proprio che altrui, tanta è la collera con al quale censurano ogni svolazzamento di mosca. Inutile cercare di discuterci, non li convincerete mai delle vostre ragioni, loro in compenso faranno di tutto per portarvi dalla loro parte. Forse si tratta semplicemente di persone tristi e incomprese, che però certo non danno grandi spunti di interesse. VOTO: 6

VILLAPIGNESI – Ragazzi di vita pasoliniani, ficomani e spesso tossici, in sintonia con lo sport e i tubi di scappamento, vivono praticamente per strada e prevalentemente nei ristretti confini della loro zona natia, specie nei tellurici paraggi di Segà. I profughi ascolani si sono subito integrati con i frequentatori del Jolly, con i quali condividono le abitudini insalubri e la vita errabonda. Non hanno idee proprie praticamente su nulla ma sono meno tonti di quanto diano a vedere. Caratteri scostanti e spesso non del tutto comprensibili. Discreto tasso di musicisti. VOTO: 6.5

ZECCHE – Volendo essere più sinottici possibile, tutto il complesso di ragazzi, spesso impuberi, faticosamente orbitanti intorno ai pilastri ascolani della vita stradaiola e cagionevole, cui fanno capo il Moderno e il Jolly. Pur non esistendo vere e proprie gerarchie all’interno della peraltro variabile e molto eterogenea combriccola, sono facilmente distinguibili dei decani e delle giovani leve, che guardano ad essi come a guru senza macchia e senza paura. Demotivati e abbrutiti dai loro stravizi (che essenzialmente si limitano alla canapa e ai bicchieri) e da una routine di non-attività di gruppo che si ripetono con quotidiana iterazione, non hanno il benché minimo slancio vitale che possa riscattarli, e non paiono nemmeno infastiditi dalle male lingue che serpeggiano ovunque e da sempre sul loro conto. Imperturbabilmente tranquilli perché perennemente storditi, intorpiditi da un cronico vuoto cerebrale più che dalle sostanze cancerogene che sfoderano in ogni occasione, vestiti in maniera indecorosa e quasi sempre muniti dell’inseparabile skate reliccato, si spacciano per pacifici filantropi senza riserve ma a un’analisi più attenta risultano smaccatamente individualisti, gretti, indirizzati per indole più a farsi i cazzi propri nel loro colorato mondo inesistente che a relazionarsi con l’umanità verso la quale declamano un amore viscerale: in sostanza se ne fottono di tutto e di tutti. Le poche volte che tentano di comunicare tra loro il tutto si risolve in un’indicibile accozzaglia di insulsaggini proferite a mezza voce e occhi semi-chiusi, fattore che deve averli non poco sconfortati riguardo alle proprietà organolettiche del mondo: grazie al cielo invece non siamo tutti come loro. Alcuni s’identificano con l’ideale freak-acido degli scatenati sixties, altri ammiccano alla cultura rastafari, altri ancora frequentano circuiti rap, certi toccano addirittura il misticismo orientale, tutti bene o male non paiono molto convinti dei passi che intraprendono in qualsiasi direzione. A dispetto di questa immagine non esattamente virile, riescono a strappare sospiri a destra e a manca facendo leva sui lineamenti scabri da belli&dannati e una calcolatissima spontaneità gestuale/verbale: poco importa se la loro disinibita spensieratezza relazionale possa essere cagione di problemi anche gravi per chi mai ha osato interferire con la loro dimensione fatata. Sono individui a loro modo pericolosi, in quanto devianti anche per coloro che, incolpevoli, si trovano nelle loro vicinanze. Di sicuro la loro arrendevolezza rimane un fattore di non indifferente fastidio estetico per chi è costretto a contemplarli, beati nella loro incoscienza psicotropa. Alla lunga si fanno odiare senza volerlo, ma in fin dei conti è l’antipatia a pelle quella che resta più impressa nei neuroni (noi che ancora li possediamo…). In caso di rivoluzione di massa è molto probabile che siano le prime possibili vittime di un pogrom su larga scala, e nessuno certo li rimpiangerà. VOTO: 4

Manifestodigos

(ancora oggi ignoro chi sia stato il Lutero dei bassifondi che stampò e affisse in giro per la città la mia umile filippica…)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...